Articolo

La trasformazione della supply chain di Ahold Delhaize

By Steve Banker,
Ahold Delhaize’s Supply Chain Transformation

Questo articolo è apparso originariamente su Forbes.

Nel dicembre del 2019, il distributore mondiale di generi alimentari Ahold Delhaize ha annunciato che avrebbe investito 480 milioni di dollari per trasformare ed espandere le sue operazioni della supply chain statunitense a sostegno di una nuova strategia triennale per passare a una distribuzione autogestita .Con l’autodistribuzione, l’azienda internalizza molte attività della supply chain che in precedenza erano esternalizzate.

Ahold Delhaize è stata costituita nel luglio 2016 dalla fusione di Ahold e Delhaize Group. Le principali catene di alimentari al dettaglio negli Stati Uniti sono Food Lion, Giant Food (di Landover), The GIANT Company (di Carlisle), Hannaford, e Stop & Shop. L’azienda ha una presenza molto forte sulla East Coast. Le attività statunitensi hanno generato oltre 47 miliardi di dollari dei ricavi globali del rivenditore: oltre il 60% del totale.

Secondo Chris Lewis, Vicepresidente esecutivo della Supply Chain per Retail Business Services, prima della fusione tra Ahold e Delhaize, Delhaize si occupava della propria logistica e della maggior parte del proprio procurement. Ahold, d’altra parte, ha esternalizzato circa il 70% della logistica e del procurement a C&S Wholesale Grocers, la più grande azienda USA di fornitura all’ingrosso di generi alimentari. Retail Business Services è il gruppo di servizi condivisi emerso successivamente alla fusione. Fra le altre responsabilità, Retail Business Services è responsabile dei servizi della supply chain, tra cui la logistica, il procurement nei centri di distribuzione e la strategia della supply chain per le operazioni di Ahold Delhaize negli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, 17 centri di distribuzione forniscono evasione degli ordini a più di 2.000 negozi sulla East Coast. L’azienda sta inoltre acquisendo un altro centro di distribuzione, costruendo 2 impianti di congelamento, e ha appena affittato un centro di distribuzione a temperatura ambiente in Connecticut. 1,1 miliardi di colli passano attraverso questa rete ogni anno.  La rete di magazzini si estenderà a 26 strutture entro il 2023. Nell’accordo annunciato a dicembre, Ahold Delhaize USA riacquisirà tutti i centri di distribuzione in outsourcing nei prossimi 30-36 mesi.

“Il passaggio a una supply chain autogestita consentirà a Retail Business Services di ridurre i costi per i marchi locali che rifornisce, migliorare la velocità di commercializzazione, approfondire i rapporti con i fornitori e posizionare meglio i centri di distribuzione delle nostre aziende nelle comunità che servono”, secondo Lewis.  “Questi cambiamenti ci permetteranno di sfruttare il valore finanziario e strategico nell’ambito del procurement, della logistica e del magazzino per fornire il prodotto più fresco attraverso la rete di consegna più avanzata ed efficiente del settore alimentare. Una volta completata la trasformazione, Ahold Delhaize risparmierà 100 milioni di dollari all’anno.”

La tecnologia della supply chain è la chiave della trasformazione

I due impianti di congelamento che l’azienda prevede di aprire saranno strutture altamente automatizzate. I centri di distribuzione, che saranno costruiti in collaborazione con Americold, utilizzeranno sistemi di stoccaggio e recupero automatizzati (AS/RS) di Dematic. Questo investimento ridurrà i costi della manodopera. Ma trovare lavoratori disposti a lavorare nei centri di distribuzione di congelamento può essere un problema. In futuro, Retail Business Services esaminerà anche l’uso di robot mobili autonomi a supporto degli addetti al magazzino.

Ahold Delhaize è impegnata nella sostenibilità. La loro relazione annuale combina risultati sia finanziari sia di sostenibilità. La relazione annuale afferma che il rivenditore globale di generi alimentari è stato classificato tra i leader del settore nell’indice mondiale di sostenibilità Dow Jones. Il rivenditore globale di generi alimentari ha ridotto le proprie emissioni di carbonio equivalente del 4,6% nel corso dell’anno.

Così, importante tanto quanto l’automazione, era assicurarsi che i centri di distribuzione di congelamento fossero posizionati in modo ottimale.  Il rivenditore ha utilizzato una soluzione di progettazione di rete di LLamasoft per localizzare correttamente questi magazzini. Il software LLamasoft consente di ammortizzare i costi di trasporto, di stoccaggio e di trasporto dell’inventario in modo da consentire all’azienda di raggiungere gli obiettivi di livello di servizio riducendo al contempo i costi. Queste due strutture di congelamento, una volta aperte, ridurranno gli spostamenti da questi due magazzini ai loro negozi per 4 milioni di chilometri, abbassando i costi di trasporto di 3 milioni di dollari e riducendo contemporaneamente i gas serra.

Mentre un buon posizionamento dei magazzini aiuta a ridurre i chilometri percorsi dai camion per evadere gli ordini nei negozi, anche i sistemi di gestione dei trasporti (TMS) svolgono un ruolo fondamentale. Attualmente 1.000 camion stanno percorrendo più di 190 milioni di chilometri all’anno sulla rete della East Coast. Un TMS riduce i costi delle merci in vari modi. Per i vettori a contratto, il TMS porta a una migliore negoziazione dei contratti a lungo termine. La funzionalità di controllo delle merci assicura che i vettori non siano pagati in eccesso. Ma gran parte del risparmio in un TMS deriva da un migliore instradamento e da una maggiore capacità di assicurare che i camion siano a pieno carico - queste capacità consentono di risparmiare denaro e di ridurre le emissioni. Retail Business Services ha selezionato il sistema di gestione dei trasporti di Manhattan Associates.

Retail Business Services sta anche selezionando un sistema comune di gestione del magazzino (WMS). Un WMS aumenta l’efficienza di prelievo, il che riduce i costi della manodopera. Nel garantire che i camion siano caricati in modo efficiente e partano nei tempi previsti, disporre di soluzioni WMS e TMS strettamente integrate può migliorare le sinergie. Mentre Retail Business Services non ha preso la decisione finale su chi scegliere per WMS, la soluzione WMS di Manhattan Associates è tra i candidati.

Lewis ha affermato: “siamo disposti ad aggiungere complessità nelle nostre operazioni di magazzino, per ridurre la complessità nei negozi.” Quando un pallet misto arriva in un negozio, un pallet con prodotti diversi su diversi livelli del pallet, il pallet deve essere progettato in modo tale che quando il livello superiore viene prelevato e la merce viene messa sugli scaffali, il prodotto sul livello successivo in basso non richiederà agli operatori del negozio di portare il pallet da un’estremità all’altra del negozio per raggiungere il luogo di stoccaggio successivo.

Retail Business Services è anche nel bel mezzo della realizzazione di un sistema di pianificazione della domanda e di rifornimento dell’inventario. Una soluzione end-to-end di RELEX sarà pronta per tutti i 1.200 punti vendita Food Lion e Hannaford entro il primo trimestre del 2021. Sarà poi messa in esercizio in fasi successive per gli altri punti vendita principali. La soluzione applica il machine learning specifico del marchio ai dati dei punti vendita, alla storia delle vendite e ai piani promozionali per prevedere con maggiore precisione la domanda. Migliori previsioni sulla domanda portano a una maggiore disponibilità di merce sugli scaffali a livelli di inventario più bassi. La soluzione RELEX ha anche una forte automazione, generando automaticamente ordini di rifornimento per una grande percentuale di ordini. Il sistema RELEX consente inoltre ai progettisti di sapere quando il sistema ritiene che i loro override, l’ordine di rifornimento di uno o più negozi, siano troppo bassi. Ciò potrebbe comportare opportunità di vendita perse. Il sistema genera avvisi di opportunità di vendita perse che passano ai manager dei pianificatori. Questo è un potente catalizzatore per il cambiamento culturale. Questo risparmio di inventario è un altro modo in cui Retail Business Services mira a raggiungere 100 milioni di dollari di risparmi annuali.

La collaborazione con le operazioni di negozio e i fornitori è fondamentale

La chiave per ottenere questi miglioramenti e risparmi a livello di servizio e a livello di negozio sarà il raggiungimento di una migliore accuratezza dell’inventario nel negozio. L’accuratezza dell’inventario a livello di negozio è notoriamente insoddisfacente, anche se negli ultimi anni è migliorata. Il livello di servizio target di Ahold Delhaize sullo scaffale è del 99%. Una ricerca di Chris Cunnane, di ARC Advisory Group, mostra che solo il 17% dei rivenditori raggiunge questo livello di servizio. Poiché i rivenditori di alimentari offrono così tanti prodotti diversi e i prodotti in stock hanno tempi di rotazione molto veloci, l’accuratezza dell’inventario a livello di negozio dell’industria alimentare è probabilmente molto inferiore rispetto ad altri tipi di vendita al dettaglio.

Lewis ha spiegato che le operazioni di negozio sono in ultima analisi responsabili del miglioramento dell’accuratezza dell’inventario del negozio. Ma utilizzando la soluzione RELEX il team della supply chain può aiutare a prevedere quando la conta delle scorte di un negozio è sbagliata per uno SKU. La soluzione RELEX include regole aziendali che suggeriscono di effettuare un audit a scaffale per quel prodotto. Gli avvisi di opportunità di vendita perse, rivolti ai responsabili dei negozi, forniscono incentivi ai negozi per effettuare le verifiche sugli scaffali e il rifornimento. “Con l’e-commerce, e con l’evasione in negozio degli ordini dei clienti, l’accuratezza dell’inventario a livello di punto vendita è ancora più importante”, ha spiegato Lewis.

Retail Business Services ha offerto robot mobili all’interno del punto vendita, che alcuni marchi USA di Ahold Delhaize hanno scelto di adottare, con un volto amichevole, di nome Marty, per identificare i problemi, come il cibo caduto nei corridoi.  I robot forniscono poi una reportistica che consente un’azione correttiva. Aiutano i negozi a ridurre i problemi causati da tali incidenti, oltre a consentire ai dipendenti di dedicare più tempo al servizio e all'assistenza ai clienti.  In futuro, ha detto Lewis, questi robot possono anche essere programmati per migliorare le prestazioni dell’inventario a livello di scaffale identificando gli slot vuoti.

Retail Business Services sta anche cercando di collaborare meglio con i fornitori con nuovi programmi di procurement. Ad esempio, l’azienda potrebbe identificare i punti della supply chain end-to-end da fornitore a dettagliante in cui un tempo di permanenza eccessivo o una sequenza di spedizioni insoddisfacente ostacola l’esecuzione dell’evasione degli ordini. Retail Business Services sta nominando degli allenatori per lavorare con i team delle supply chain dei fornitori. L’idea è che se Retail Business Services riduce i costi per i fornitori, questi condivideranno i risparmi.

La visibilità dell’inventario è la chiave di questa collaborazione. Quando una società di beni di consumo accetta la promozione in negozio, vuole sapere che la promozione è stata pienamente eseguita in tutti i negozi partecipanti. Se è concordata una promozione speciale alle estremità degli scaffali, la visibilità in negozio si basa sul fatto che i collaboratori fotografino le estremità degli scaffali con l’iPad (in futuro questo potrebbe anche essere un compito per i robot Marty). Può darsi che le immagini mostrino che nel 5% dei negozi interessati le estremità degli scaffali non siano pronte. Questi si trasformerebbero in allarmi e farebbero scattare le operazioni di negozio per rimediare. Ciò garantisce che il fornitore ottenga ciò per cui ha pagato.  Una migliore esecuzione può incentivare il fornitore a impegnarsi in eventi più grandi mutuamente vantaggiosi. Per esempio, invece di fare una promozione su una sola catena, sarà possibile fare una promozione su tutte le catene... e su tutti gli oltre 2.000 negozi. Per una promozione di queste dimensioni, Retail Business Services potrebbe chiedere un ulteriore sconto di cinque centesimi per caso.

Retail Business Services sta anche lavorando per migliorare le capacità delle torri di controllo. Queste torri di controllo avranno una migliore visibilità sia dell’inventario a riposo nei negozi e nei centri di distribuzione, ma anche dell’inventario in movimento: l’inventario in ingresso si dirigerà verso i centri di distribuzione. Se un uragano stesse per investire la East Coast, sarebbe naturale voler rifornire i negozi ad esempio con più acqua e prodotti correlati che i clienti necessitano per far fronte alla tempesta.  La torre di controllo potrebbe essere in grado di vedere che i magazzini hanno abbastanza acqua a disposizione, ma che disporre di abbastanza manodopera per comporre i carichi potrebbe essere un problema.  La torre di controllo offre la visibilità necessaria per esplorare diverse opzioni.

In conclusione, si tratta di una vera e propria trasformazione. La trasformazione consentirà di risparmiare notevoli quantità di denaro, di migliorare il servizio clienti e di aiutare Ahold Delhaize a raggiungere i suoi obiettivi di sostenibilità. La trasformazione si basa sulla tecnologia, sul cambiamento culturale e su nuovi processi. Ahold Delhaize non ha ottenuto lo stesso plauso di Amazon e Walmart per l’efficienza della supply chain. Questo inizierà a cambiare queste percezioni.

Biografia di Steve Banker

Sono il Vicepresidente dei Servizi di Supply Chain presso ARC Advisory Group, un’azienda leader nel settore dell’analisi e della consulenza tecnologica. Mi impegno nella ricerca quantitativa e qualitativa sulle tecnologie di gestione della supply chain, sulle best practice e sulle tendenze emergenti. Sono stato pubblicato su Supply Chain Management Review, ho una rubrica settimanale in Logistics Viewpoints (www.logisticsviewpoints.com), e posso essere seguito su Twitter @steve_scm o contattato all’indirizzo sbanker@arcweb.com.

Rispettate la promessa fatta ai vostri clienti